LA DEDIZIONE DEL CADORE IN UN QUADRO PIENO DI SIMBOLI. IL LEONE MA ANCHE IL TIGLIO.

229617_1984272057136_117205_nA Lorenzago è conservato questo bel dipinto di Cesare Vecellio, più famoso come incisore che come pittore, cugino di secondo grado del più celebrato Tiziano. si intitola “la dedizione del Cadore a Venezia”, mi pare molto bello anche se magari non è conosciuto come altre opere del più celebre cugino. 

Come tutti sapete, attraverso le Dedizioni, in gran parte spontanee, in piccola parte per atti di guerra poi confermati da Dedizioni volontarie, delle città la Terraferma veneta, friulana, della Lombardia occidentale, Venezia ricostruì l’unione delle genti venete (in senso lato) propria della X Regio riconosciuta dagli antichi Romani.

Il quadro ci permette una lettura interessante, che ci ricollega addirittura ai Veneti antichi, per via di un segno araldico della comunità cadorina.  Interpreto così, da sin a dx: San Marco col Leone, la Beata Vergine, Venezia con lo scettro del potere, ma la donna dietro le spalle della dama che rappresenta il Cadore non sapevo spiegarla.poi la prof. Doretta Davanzo Poli mi ha aiutato.

Ella mi ha precisato, a proposito della figura che interessa :”la seconda, in piedi, alle spalle della prima [inginocchiata (che è la Patria Cadorina), è l’allegoria della Fedeltà, vestita di bianco, con collana di perle,che accompagna il Cadore; con una mano indica lo stmma, con l’altra regge un cuore con all’interno un piccolo Leone. Sorprende che la maggior parte degli studiosi non sia riuscita a codificarlo…..dunque all’interno c’è un piccolo Leone di San Marco: questo esprime concretamente fedeltà e obbedienza del Cadore alla Serenissima e a san Marco….” La spiegazione è di Giorgio Reolon, si è laureato con me in Storia dell’Arte e conservazione, in specialistica, a.a.2008-2009, con una tesi su Cesare Vecellio, già molto studiato e onorato con mostre a Belluno in anni precedenti.

Giorgio Roncolato ha aggiunto altre cose interessantissime, la riporto in lingua veneta come lui ha fatto:

Vardè la pianta che ghe xe in mexo a le do torri: EL XE EL TEJO (TIGLIO). E questo xe on fato enblematico parché al di de ancò ghe xe on Pino.
XE enblematico che sol stema del Cadore, nel cui teritorio ghe xe solo che pini e i tigli non vien, ghe sia proprio sta pianta nel stema.
El Tejo xe l’albaro sacro dei Veneti antighi, atorno al quale se radunava i veci del vilagio par deliberar le decixion comuni.
El fatto che nel stema ghe fuse el Tejo dimostra l’antichità del stema del Cadore (podaria risalir a l’epoca dei veneti antichi 2500 ani fa e oltre) e inoltre che el Cadore xe senpre sta na terra de confine anca par i Veneti antichi, prima de l’epoca romana.

Par chi no lo savese el stema del Cadore, co le do torri e la caena che le unise, sta a indicar la frontiera: le tori sta a goardia de pasajo e la cadena sara la strada al nemigo.
El Cadore xera el confine setentrionale de la terra dei Veneti.
L’albaro in mexo tra le do torri xe on mistero, probabilmente se el segno de l’apartensa dei Cadorini al popolo Veneto.

Ecco quindi come un bel quadro ci ricollega a una storia antica di tremila anni, e ci unisce, noi e la gente del Cadore, sotto l’ombra di un Tiglio sacro.. e sotto le ali del Lion . 🙂