nella cappella di Sant’Isidoro, il “Lion” nimbato, sorgente dall’acqua, i primi gonfaloni.

St._Isidor_chapel_(San_Marco)Nella magnificenza unica al mondo della basilica marciana (che era la cappella del Principe dei Veneti, il dux Venetiae) compare una delle prime raffigurazioni dei gonfaloni marciani. Inizialmete San Marco era raffigurato in forma umana, su monete e sigilli dogali, mentre porgeva il vessillo al Doge, poi si passò alla forma ferina, dato che San Marco era raffigurato come Leone, con la voce tonante, Egli annunziava alle genti venete, il Vangelo.

I vessilli raffigurati, compaiono in una scena che celebra la scena della traslazione  a Venezia delle ossa di Sant’Isidoro, martire del II secolo, dall’isola di Scio, traslazione avvenuta l’anno 1125 per opera del Doge domenico Michiel. Il mosaico e del 1355.

La scena ci mostra tra l’altro la fortezza dell’isola, un molo e delle galere da cui sono sbarcate le truppe. Oltri agli stemmi e alla bandiere particolari dei Michiel e di altre famiglie, vediamo sventolare numerosi vessilli veri e propri di San Marco, sia aulle torri del forte, sia sulle antenne che reggono i fanali del molo, sia a poppa delle navi.

La forma della bandiera è uguale in tutti e tre i casi, molto allungata e terminate in tre punte, ossia un gonfalone.  E su ogni bandiera compare, rozzamente raffigurato, un piccolo Leone con Libro, nella tipic aform della belva uscente dalle acque,  rannicchiata ‘in moeca’ e con un paio di ali rudimentali.

Diversi invece si presentano i colori: mentre le bandiere delle galee sono cremisi e caricate di un leoncino dorato, quelle della fortezza e delle antenne sono state bianche e con leone rosso. Inoltre le aste delle bandiere di terraferma sono prive di ornamenti, mentre quelle di mare sono adorne di un ‘pomolo’ costituito da una croce e da un disco d’oro, combinazione comune nella Venezia di un tempo.

“Questi stendardi di stoffa cremisi delle galee sono certo di diretta derivazione dai drappi bizantini imperiali, coloriti di porpora e trapunti d’oro e costituiscono  evidentemente la bandiera della Repubblica” (Gerola).

Aldo Zigiotto – Le bandiere della repubblica di Venezia . 

IL PRIMO STATO CON UN ARCHIVIO

archiviove4La Serenissima fu il primo Stato che creò un Archivio dove conservare tutti gli Atti deliberati dal Maggior Consiglio….. Continua a leggere