La grande pittura veneta dell’800, Egisto Lancerotto.

http://www.anticoantico.com/

compiacenze materne

compiacenze materne

Nato a Noale il 21 agosto 1847, morto in povertà nell’Ospedale di Venezia il 31 maggio 1916. Giovanissimo si iscrisse a quell’Accademia. Fu sicuramente artista di singolare abilità, ma, sempre scontento dell’opera propria, e incapace di darsi una disciplina sia nell’arte che nella vita, non ottenne il posto al quale avrebbe potuto aspirare. Continua a leggere

LA GRANDE PITTURA VENETA DELL’800. PIETRO PAJETTA.

Dal sito Anticoantico.com
gustoso autoritratto

gustoso autoritratto

Nato a Serravalle di Vittorio Veneto il 22 marzo 1845, morto a Padova il 10 aprile 1911.
Desideroso di darsi all’arte, giovanissimo aveva divisato di vestire la tonaca per togliersi dalle distrazioni e potersi consacrare alla pittura, quando (1860) scoppiò la guerra contro l’Austria, ed egli, malgrado l’età, si arruolò volontario.

Per l’interessamento del general Cialdini potè in seguito frequentare l’Accademia di Bologna. Durante il periodo di vita militare esordì, ad Alessandria, con Genio e povertà, che fu premiato con medaglia d’oro. Congedato, dovette lottare duramente per l’esistenza, e solo nel 1872 prese parte all’Esposizione di Treviso, con Bolla di sapone; Visita in città e La mattina. Continua a leggere

La grande pittura veneta dell’800. Guglielmo Ciardi.

Di Millo Bozzolan
- Barconi e vele nella laguna di Venezia - olio su tela 56 x 100 cm

– Barconi e vele nella laguna di Venezia – olio su tela 56 x 100 cm

Nato il 13 settembre 1842 a Venezia, dove morì il 5 ottobre 1917.
Studiò all’Istituto di Belle Arti della sua città. Liberatosi dalla prima educazione accademica, s’ispirò esclusivamente alla natura, con acutezza di percezione e schiettezza di sentimento, affermandosi in una sua tecnica originale. Nella «Guida di Venezia» di Giulio Lorenzetti così è scritto di lui: «Magnifico e solido paesista veneziano, che tornato alla natura, esempio inusitato, ai suoi giorni, con umile e commossa sincerità, iniziò anche prima di Favretto, in Venezia, un’era nuova nella pittura della sua patria». Continua a leggere

MARAT: LA MORTE DI UN TIRANNO, IDEALIZZATO DALLA FRANCIA RIVOLUZIONARIA

Di Milo Boz Veneto

383373_10201297033818537_480826611_nIl quadro, commissionato a David subito dopo l’uccisione dell'”amico del popolo” (un membro dell’Assemblea Nazionale e un giornalista), avvenuta il 13 Luglio 1793 ad opera della cospiratrice Charlotte Corday, rappresenta il cadavere di Marat lì dove era avvenuto l’omicidio, ossia nella vasca in cui era costretto a trascorrere molte delle sue ore per lenire una grave affezione cutanea, Continua a leggere

La grande pittura veneta dell’800. Luigi Serena.

Nato a Montebelluna (Treviso) il 1° agosto 1855, morto a Treviso il 12 marzo 1911.

 

la pappa scotta...

la pappa scotta…

Imparò i primi elementi del disegno da suo padre e dal Moro. Appena quattordicenne, eseguì una copia del Giove Olimpico del Belvedere, in modo che il sindaco di Murano ottenne per lui un sussidio dalla Provincia, sussidio col quale il giovinetto potè frequentare l’Accademia di Venezia. Vi ebbe a maestro Pompeo Molmenti, e a condiscepoli Giacomo Favretto, Luigi Nono, Alessandro Milesi, Ettore Tito. Continua a leggere

Alessandro Milesi, pittore veneto mirabile, tra ‘800 e ‘900.

Di Millo Bozzolan, veneto marciano.

12038565_1170104546340026_9162988206758071378_nAlessandro Milesi Nato il 29 aprile 1856 a Venezia, dove morì il 29 ottobre 1945. Frequentò l’Accademia di Venezia, poi fu per due anni a Verona, nello studio di Napoleone Nani, che lo aiutò anche finanziariamente. Nel 1878 si recò a Trieste, dove trascorse un anno di dura lotta per l’esistenza. Continua a leggere

IL SECONDO MANIN, CHE FECE RISORGERE LA LIBERTA’ VENETA PER UN BREVE ATTIMO

Di Millo Bozzolan, veneto marciano.

530734_4925350142250_284295253_nNel 1848 Daniele Manin e Niccolò Tommaseo vengono liberati dal carcere e portati in trionfo tra la folla di piazza San Marco. Dipinto di Napoleone Nani esposto a Venezia nel museo della Fondazione Querini Stampalia. Continua a leggere