Le putte di Vivaldi.

<

Continua a leggere

Gloria di Antonio Vivaldi

 Antonio Vivaldi(  Venezia 4 marzo 1678, Vienna
28 luglio 1741) fu il compositore  più originale e influente della sua generazione, nell’Italia di allora, e gettò le basi per il concerto barocco.
I suoi importanti  contributi allo stile musicale, alla tecnica violinistica
e all’ orchestrazione,  lo fanno considerare un pioniere della musica orchestrale.

 

Antonio Vivaldi in un disegno ottocentesco.
 
 

 

Rispetto alla sua vasta produzione, la quantità della musica sacra vivaldiana che conosciamo è una assai scarsa, forse in parte dispersa,
per due secoli è rimasta praticamente dimenticata

Tra le opere più popolari del Prete Rosso c’è un brano sacro, il Gloria RV 589. 
La partitura di un terzo, il RV 590, è andata purtroppo perduta.Le date di composizione  costituiscono ancora materia discussione tra gli studiosi, anche se si ritiene che questi brani siano stati scritti  scritti tra il 1703 e il 1717. In quel periodo Vivaldi era occupato presso l’Ospedale della Pietà di Venezia come maestro di violino e di canto per le fanciulle, chiamate ”putte” celebrate ovunque per la loro bravura.

Dei due pervenutici, il Gloria RV 589 è la partitura più eseguita ai
nostri giorni. In particolare viene eseguito il primo brano, l’Allegro ”Gloria in excelsis Deo”.
La composizione è divisa in dodici
movimenti,per coro, soli e orchestra,tromba, oboe, archi e basso continuo
.vivaldigloria

Vivaldi  aveva affidato l’esecuzione al coro delle Putte della Pietà, perchè non ci sono parti soliste per voci maschili,  le ragazze cantavano anche le parti del coro nel registro di basso trasportato di un’ottava.
viv

Il Gloria fu composto per il servizio liturgico, ma non è certo che durante una messa si eseguissero tutte le parti, a causa della lunghezza.
L’opera fu raramente eseguita mentre Vivaldi era in vita,  dopo la sua morte venne dimenticata e fu riscoperta dal compositore italiano Alfredo Casella (1883-1947) soltanto negli anni ’30 del secolo scorso. Casella riordinò i brani e il Gloria fu eseguito a Siena nell’ambito di un Festival Vivaldiano.

Basta turismo ignorante e vandalico a Venezia.

Venezia può vantare un elenco lunghissimo di luoghi d’interesse,  Tripadvisor, il noto sito dedicato alle esperienze di viaggi, abbonda di  spunti di ilarità, ma anche di sconforto. Sconfortante è constatare che non pochi di quelli che ogni giorno calano su Venezia e si pigiano in Piazza San Marco e a Rialto non hanno la minima cognizione del luogo in cui si trovano. Venezia soffoca anche per questa gente che agogna poter dire di essere stati a Venezia, ma non è consapevole di cosa Venezia sia. Continua a leggere

700 anni di una gloriosa istituzione veneziana.

smarcog_8687_-_copie_2Prendo lo spunto da un ottimo articolo di Antonio Socci, pubblicato su un quotidiano nazionale nei giorni scorsi. Il giornalista si è trovato ad assistere alla celebrazione della Messa in una domenica mattina nella Basilica di San Marco.

”Di per sé Venezia è una struggente passerella verso l’eterno. E lo si capisce la domenica mattina andando nel cuore vivo, vero e pulsante di Venezia, quella Basilica di San Marco che alle 10.30 torna a far rivivere la gloria cristiana di Bisanzio, con una liturgia – fra gli ori dei mosaici e l’incenso dell’adorazione – esaltata dalla potente polifonia di Claudio Monteverdi cantata dalla Cappella Marciana. Li tocchi una scintilla del Paradiso.”0307201613451
Le cerimonie odierne, accompagnate da tamburelli e chitarre scordate, a tutto fanno pensare tranne che al Sacro, hanno fatto dimenticare il raccoglimento e la devozione.
Ancora per questo mese di luglio si stanno ricordano i 700 anni della fondazione della Cappella Marciana, con vari momenti in cui il pubblico ha potuto godere della meraviglia di una delle più belle istituzioni della città.
Con ogni probabilità la nascita della istituzione musicale risale a tempi ancora precedenti, ma il giugno 1316 è una data ufficiale, testimoniata dal contratto per la riparazione di un organo. Nel 1413 il coro della cappella ducale per volere del Senato veneziano divenne scuola musicale col nome di Serenissima Cappella Ducale di San Marco.
Tra i direttori si susseguirono nella direzione  migliori compositori, da Willaert,che fu il primo a sfruttare le caratteristiche della Basilica per ottenere l’effetto della stereofonia, a De Rore e a Merulo. Nel XVI secolo, con Andrea Gabrieli iniziò un grande rinnovamento, nacque la ”Scuola Veneziana”, il cui stile venne apprezzato e imitato in tutta Europa. Il video è esplicativo, nonostante la descrizione in lingua spagnola.  https://youtu.be/JiyjQzPsy3I
Nel secolo successivo  arrivò a Venezia da Mantova Claudio Monteverdi, che portò la Cappella livelli qualitativi eccezionali, accompagnando alle voci oltre all’organo diversi altri strumenti.
Claudio_Monteverdi
Nel 1696 con la Cappella fece la sua prima esibizione pubblica Antonio Vivaldi, come violinista.
Con la caduta della Repubblica e lo spostamento della sede patriarcale a San Pietro in Castello, per la Cappella iniziò un periodo di decadenza, con l’eliminazione dell’orchestra e alterne vicende per il coro, che subì vari ridimensionamenti e modifiche. La Cappella Marciana rimane tuttavia un coro prestigioso, uno dei due maggiori cori liturgici, assieme a quello della Cappella Sistina.
Attualmente la Cappella Marciana presta il suo servizio accompagnando la Messa domenicale delle 10,30 nella Basilica di San Marco, oltre alle feste principali e alla festa di San Marco il 25 aprile.