I ‘DOXI’ GENOVESI ? UNA CATTIVA IMITAZIONE DEI DOGI VENEZIANI. TRECCANI DOCET :)

Di Alessandro Lattes

sala del Maggior Consiglio di Genova.

sala del Maggior Consiglio di Genova.

Doge – Nome del primo magistrato nelle Repubbliche di Venezia e Genova, di origine affatto diversa, di evoluzione storica molto simile (?? nelle due città. A Venezia, sul finire del VII secolo, ai tribuni bizantini, fu sostituito per elezione popolare un capo civile unico, DUX, vicino a cui stava un capo militare unico, magister militum .  Paoluccio Anafesto fu il primo doge nel 591.

A Genova, nel 1339, tra i cittadini che attendevano la nomina dell’abate del popolo, una voce gridò : “Fate abate Simon Boccanegra !” e poichè questi presente se ne scherniva, taluno gridò : “Fatelo doge !” Ed egli, acclamato Doge, accettò.  Evidente imitazione degli ordinamenti veneziani,prodotta probabilmente da un movimento preparato dal Boccanegra e dagli amici suoi.

Agostino Doria, col particolare berretto e scettro

Agostino Doria, col particolare berretto e scettro

Il nome del primo doge genovese non mutò più e fu soltanto sospeso negli intervalli in cui le dominazioni straniere erano soltanto rappresentate da governatori.

A Venezia, come a Genova, i modi dell’elezione furono variati più volte, … a Venezia il Doge, che fu sempre di famiglia patrizia,  teneva la carica a vita e non poteva rinunciare, giurava la promissione ducale, un insieme di regole che doveva rispettare nel suo mandato e nel 1501 fu istituito l’ufficio degli inquisitori del Doge defunto.doge_mocenigo

A Genova fino al 1528 il Doge doveva essere di famiglia popolare, dal 1413 anche di parte ghibellina … ma dopo la riforma fatta da Andrea Doria, la carica fu riservata sollo alle famiglie patrizie. Il potere in entrambe le città divenne solo formale e ampie furono le restrizioni .. tanto che si disse per entrambi: rex in purpura, senator in Curia, in urbe captivua (prigioniero nella città), extra urbem privatus (fuori dalla città un privato).

ABBIGLIAMENTO Usavano entrambi vesti scarlatte, mantello di ermellino, ma il copricapo era diverso: il corno dogale il veneziano, il genovese un berretto quadrato ornato di un cerchio dorato nelle occasioni più solenni, e ne ottenne il riconoscimento da Carlo V il quale gli concesse di portar ele insegne dogali (cosa impensabile per i veneziani indipendenti ndR ).

articolo più esteso qua  http://www.treccani.it/enciclopedia/doge_(Enciclopedia-Italiana)/

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...