L’INDUSTRIA DELLA LANA E DELLA SETA, IL GRANDE BOOM DEL 1500. Dazi bassi per dar lavoro ai poveri.

chi gera un buteleto nei ani '40 o '50 del 900 ne la campagna de l'entrotera veneto  el vedeva 'ste scene

chi gera un buteleto nei ani ’40 o ’50 del 900 ne la campagna de l’entrotera veneto el vedeva ‘ste scene

Frederic C. Lane ci descrive in poche righe il boom dell’industria laniera e della seta. limitandone il discorso alla nostra Capitale. In realtà Venezia sviluppò il tessile in città per i tessuti più pregiati, ma il grosso della produzione sia della materia prima (Belluno) che della fabbricazione, ebbe la sua sede nell’Entroterra. Le Provincie furono divise in veri e propri ‘distretti industriali’ ante litteram e Padova, Vicenza, Verona, si specializzarono in settori specialistici. A Padova, ricordo di aver letto, a fine ‘700 si esportavano decine di migliaia di calze, berretti e coperte con le navi veneziane. Con questa premessa riporto lo scritto dello storico:

merletto veneziano, portato in Francia da Caterina de' Medici

merletto veneziano, portato in Francia da Caterina de’ Medici

Venezia era stata un centro di distribuzione, più che di produzione di laneria. Ma con le quelle d’Italia della prima metà del ‘500, le città italiane furono messe a ferro e a fuoco, rovinando i commerci e gli artigiani furono costretti a trovare spesso, lidi più sicuri. Molti si portarono a Venezia che non era mai stata invasa, e con le sue vie fluviali e marittime, garantiva rifornimenti sicuri.

Mentre a Firenze e nella Lombardia la produzione di panni decadde, a Venezia passò d’un balzo d ameno di 2000 pezze nel 1516 a oltre 20.000 nel 1565. Le tariffe doganali e le leggi marittime relative all’importazione di lana greggia furono rese più miti al fine, dicevano le leggi, che vi fosse lavoro per la povera gente che dipendeva da quell’industria per il proprio sostentamento.  La crescente produzione laniera spagnola fece della Spagna anziché dell’Inghilterra la principale fonte di rifornimento.

il bozzolo in costruzione

il bozzolo in costruzione

L’impetuoso sviluppo dell’industria laniera fu il fattore principale della crescita industriale veneziana durante il Cinquecento e il massimo propulsore della sua espansione demografica, ma non già l’unico.

lettiera per bozzoli, la raccolta. Nelle fattorie  venete era una scena abituale

lettiera per bozzoli, la raccolta. Nelle fattorie venete era una scena abituale

Nello stesso periodo l’industria della seta triplicò almeno il numero degli addetti, e venne al secondo posto dopo la lana: alla fine del secolo XVI c’erano a Venezia più setaioli che carpentieri e calafati.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...