L’ULTIMA EPOPEA DEGLI SCHIAVONI, A VERONA, RACCONTATA IN POCHI VERSI.

404600_2834279009582_264650769_nL’ultima epopea schiavona fu certamente scritta a Verona (e dintorni) ove i soldati nazionali dalmatini di lingua “illirica” (come erano descritti dal governo veneto) non rinunciarono ad ingaggiare scontri e zuffe furibonde con i francesi arroganti. Tanto da causare, a detta di un Napoleone furibondo, centinaia di vittime tra la truppa occupante. Ennio Concina (Le trionfanti armate venete, ed. Filippi) riporta una bella poesia di autore ignoto, che descrive, nel linguaggio tipico di un “brate” sciavon (brate era l’appellativo con cui tra loro si chiamavano, e significa fratello) la furia insopprimibile di un valoroso schiavone alla vista di un francese addormentato ubriaco sulla sponda di un ponte sull’Adige.

oltremarino, tamburo in alta uniforme a fine '700

oltremarino, tamburo in alta uniforme a fine ‘700

“Ah, pascia viro, ti e anca to mare
Ti dormi qua su ponte? Ah? Maledetto
In Stato de Sa Marco, nostro Pare,
come ti fussi a casa, su to leto?
Ti ga rason che nostro benedeto
Prencipe te vol bene, te vol salvare,
e a mio Palosso(1) messo ga luchetto
che te vorria da amigo saludare.
Oh se podesse…ma zà no posso
(perché zà muli cata sorte a muchj) (2)
Far rossa to camisa con Palosso:
va, porta in acqua, giavolo, culate…
ma ti, se ti xe amigo, Adese, mucchi (3)
se Prencipe lo sa, povero Brate (4).

Note. 1) Palosso: la temibile famosa e pesante spada schiavona, a lama larga. 2) lo interpreto come :perché già gente comincia ad uscire a frotte. Siamo quindi alle prime ore di mattina. 3) mucchi: zitto! 4)brate, ha la stessa radice dell’inglese “brother”, fratello. si chiamavano così, tra loro, i militi dalmatini .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...