QUEL LION CHE GUARDA CORRUCCIATO VERSO ROMA.. E DISTURBA GLI ITALIANI DI MESTRE :D

Carissimi,
diffondo un po’ la notizia perché è gustosissima.
Gli “eruditi” del Centro Studi Storici di Mestre protestano perché
lo storico Leone di San Marco – posto al centro di Mestre – è stato
rimontato con lo sguardo rivolto minaccioso verso sud, cioè verso Roma,
anziché verso Nord, verso Vienna, come era stato voluto in origine dal
Regno d’Italia.
Sul Vangelo queste cose sono chiamate “il segno dei tempi”…  
Io mi ritrovo del tutto d’accordo con voi: se l’occupazione austriaca del
Veneto ha segnato una delle epoche più tristi della storia veneta
(povertà, assenza di vero autogoverno locale, stato poliziesco, ecc.),
e se la rioccupazione dell’agosto 1849 ha segnato una delle pagine
più nere della storia asburgica (che però non può propriamente dirsi
un’invasione, semmai fu la soppressione della neocostituita Repubblica
Veneta), il carattere di invasione dovrebbe imputarsi con molta più forza
nei riguardi del Regno d’Italia, che ha cancellato i diversi riconoscimenti
che gli Asburgo avevano concesso ai Veneti (primo tra i quali quello
di chiamare i Veneti “Nazione”) e ha cercato di cancellare l’identità dei
Veneti  alla radice, arrivando persino a negarne la storia.
Ma ci pensa la storia a rendere Giustizia:
SAN MARCO OGGI GUARDA VERSO IL VERO NEMICO: ROMA.
WSM!
Edoardo inytgohmmnyh-001
L’Associazione WSM Venexia Capital , e’ lieta di apprendere che il Gazzettino dedichi un po’ di spazio anche  alla storia veneziana , all’indignazione popolare mestrina per l’errato orientamento  del leone ( Risorgimentale ) che non volgerebbe piu’ verso l’odiata Austria, che avrebbe osato invadere  la “Serenissima” …  A capo di questa protesta indignata c’e’ il Centro Studi Storici di Mestre  , sono gli stessi signori che nell’ottobre 2015  denigrarono la presenza di molti Veneziani accorsi festanti con la loro bandiera marciana ( bandiera della citta’ di Venezia , del santo Protettore di Venezia e bandiera del popolo veneto ) per l’inaugurazione del leone della Sortita , etichettandoli come : patetici sbandieratori.

Sono gli stessi signori/professori  che inorridirono quando sentirono l’inno di San Marco  suonato dalla banda  di Tessera su invito del Sindaco durante la cerimonia .

Questa questa fu la ns risposta, ovviamente non pubblicata dalla stampa locale   .https://wordpress.com/post/gruppowsm.com/7 

Forse da oggi si e’ aperta una nuova epoca anche per il Gazzettino, che fino a ieri ha sempre trattato con distacco le vicende storiche della “troppo scomoda” Serenissima, basti pensare cosa e’ accaduto negli ultimi 10 giorni : non ha dedicato nessun articoletto riguardo alle tre importanti commemorazioni storico-religiose del 25 marzo , avvenute a Venezia in occasione della ricorrenza della Nascita leggendaria di Venezia 1595 anni fa e dell’ Annunciazione , tenutesi al mattino in Piazzale Santa Lucia tra veneziani adulti e bambini,  che hanno portato omaggi floreali alla Madonna Infiorita , al pomeriggio in campo San Giacometo e di sera in Campo Sant’Alvise altre commemorazioni , tutte e tre regolarmente autorizzate dal Comune , dopo anni di latitanza da parte delle Autorita’ Comunali ed Ecclesiastiche . Non ha dedicato nemmeno una riga sulla staffetta umana del 18 marzo , Da San Marco a San Marco , centinaia di veneti partiti dal Lago di Garda arrivati dopo molti giorni di marcia a Venezia per portare un gonfalone marciano al Patriarca ( anche questa volta assente ) in onore del nostro Santo Patrono .Da anni assistiamo e subiamo  tristemente  una lunga  lista di censure e ridicolarizzazioni mediatiche da parte della stampa locale nei confronti di eventi  storico -culturali veneti .  Fa sorridere tristemente ora notare  l’indignazione di molte persone per una questione di gradi di orientamento del leone ( seppur importanti) , sapendo che forse sono in gran parte coloro che non hanno nemmeno il coraggio di tenere in mano  con orgoglio una bandiera marciana , di esporla sul balcone di casa almeno il 25 aprile giorno del nostro Santo Patrono , di cantare l’inno di San Marco e magari non sanno nemmeno cosa ci sia scritto nel libro in mezzo alle zampe del leone . Purtroppo queste polemiche hanno un punto comune di partenza e sono tutte figlie dell’esaltazione di un determinato periodo storico:  il Risorgimento Italiano .

Concludendo alla ns Associazione WSM Venexia Capital  sta’ a cuore soprattutto che ci sia il Leone sopra la colonna , che valorizza una Piazza altrimenti grigia e anonima , poi che guardi verso sud va bene lo stesso in riferimento all’orientamento verso il  vero NEMICO , l’importante e’ che i cittadini possano goderselo e magari con spirito ed orgoglio marciano senza pregiudizi .12919276_973868125995256_1809658564_n

W SAN MARCO , W EL LEON e W VENEXIA

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...