IL COMMERCIO DELLE OSSA DEI CADUTI DELLA GRANDE GUERRA.

Di Bruno Pederoda.
Ripubblico il brano inerente tratto dal libro di Bruno Pederoda, con la fonte relativa.
Costruzione dell'Ossario sul Monte Grappa. mentre si provvedeva a dare degna sepoltura ai poveri resti di decine di migliaia di caduti, dell'una e dell'altra parte, c'era chi rivendeva le ossa raccolte, un tanto al quintale, a fabbriche di concimi. una cosa orrenda, che uscì nei giornali dell'epoca, riportata con dovizia di riferimenti nel libro di Bruno Pederoda (Tra le macerie e miserie di una regione dimenticata). Ma già ne parlammo, la regione dimenticata è la nostra..

Costruzione dell’Ossario sul Monte Grappa. mentre si provvedeva a dare degna sepoltura ai poveri resti di decine di migliaia di caduti, dell’una e dell’altra parte, c’era chi rivendeva le ossa raccolte, un tanto al quintale, a fabbriche di concimi. una cosa orrenda, che uscì nei giornali dell’epoca, riportata con dovizia di riferimenti nel libro di Bruno Pederoda (Tra le macerie e miserie di una regione dimenticata). Ma già ne parlammo, la regione dimenticata è la nostra..

“Mentre ogni paese si mobilitava per innalzare un monumento ai propri caduti, – degli operai raccoglievano dagli altipiani, dal Carso, le ossa dei Caduti per lo sfruttamento industriale della fabbricazione dei fosfati – ” (1) E quando fu finalmente posto termine alla profanazione, ecco lo sfruttamento cambiare tipo e direzione. “Tuttora dei turpi vanno rubando le casse di zinco dai cimiteri, le croci, le lamiere delle cappelle votive e persino le pietre dei muri dei sacri recinti2. L’Italia si era lasciata prendere dalla tentazione di diventare grande nazione prima ancora di essere diventata una ‘nazione civile’. Era il pericolo che Giuseppe Prezzolini aveva paventato fin dai tempi della guerra italo turca e, in fondo, la disgrazia che da sempre ci attanaglia.
Pederoda spiega anche un’altro mercanteggiamento sui poveri resti:

Se il Genio militare aveva rischiato una pessima fama per gli intrallazzi compiuti da alcuni dei suoi ufficiali ed ex ufficiali impegnati nella ricostruzione, la Sanità Militare rischiò invece di macchiarsi di infamia, per l’odiosa speculazione introdotta da non pochi dei suoi nell’opera di riesumazione, trasporto e ricomposizione delle salme dei caduti. La tecnica del malaffare non differisce gran che tra l’una e l’altra delle Armi: in entrambi i casi ci si imbatte in qualcuno che depone le spalline per darsi al mercato e in qualche altro che invece le conserva per dargli man forte e poi dividere gli utili. La voce di infami speculazioni sui cadaveri era presto circolata; scrivendone a poco meno di tre anni dalla cessazione del conflitto, il giornalista vorrebbe far credere il malaffare ‘un ricordo’, legato al comportamento di imprese civili “che ebbero cura delle salme di caduti in guerra (…) in quanto fu da qualcuna di queste speculato sui grandi eroi della Patria, dividendo una salma in più parti, per far figurare un maggior numero di morti” (2).

Va osservato, però, che la certezza dell’esistenza del losco affare si ebbe solo dopo un’interrogazione parlamentare e che la conferma dell’orrenda verità venne per bocca del Ministro della Guerra. L’indegno traffico si svolgeva in parecchi cimiteri, ma in modo particolare in quelli del Grappa. E’ qui che un ex ufficiale della Sanità ‘ dei paesi di roma’ si improvvisa imprenditore ed ottiene dagli ex commilitoni responsabili del settore l’appalto della traslazione dei cadaveri. C’era un tariffario di 60 lire a salma, ma si trovò subito il modo di non sporcarsi le man subappaltando per ben due volte i lavori, sicché gli operai ricevevano un terzo della cifra pagata dallo stato.
Il rappresentante del Governo, pur ammettendo davanti alla Camera pesanti responsabilità di persone appartenenti all’esercito, tentò tosto di scaricare il grosso delle colpe sugli operai.

da Tra le macerie e miserie di una regione dimenticata, di Bruno Pederoda

(1) il Risorgimento, 22-23 febbraio 1922, nr. 4
(2) il Risorgimento, 16 giugno 1921, nr. 142

3 thoughts on “IL COMMERCIO DELLE OSSA DEI CADUTI DELLA GRANDE GUERRA.

  1. Sui monumenti hanno scritto “Caduti per la Patria”, che è l’abbreviazione della frase “Caduti per trasformare le proprie ossa in concime agricolo in modo da arricchire quelli che hanno propagandato una Patria che non esiste”. Insomma, nient’altro che un’abbreviazione…

  2. Pingback: Lo Stato che usò le ossa dei caduti per la Patria per farne fosfati è sempre lo stesso: potere camuffato da “ideali” | L'Indipendenza Nuova

  3. Pingback: Anonimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...